Circa Redazione

Questo autore non ha riempito alcun dettaglio.
Finora Redazione ha creato 148 post nel blog.

NON MURI MA PONTI

2016-06-11T09:42:04+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

I muri che dividono, isolano, imprigionano, impediscono, violano, umiliano, separano, limitano, respingono, uccidono. I muri delle contraddizioni, delle assurdità, dell’incoerenza

di Lucia Piccirilli

Si intitola “1989” il libro che raccoglie dieci racconti scritti da alcuni tra gli autori contemporanei più noti della scena europea per celebrare, vent’anni dopo, la caduta del Muro di Berlino.

Gli autori, Ingo Schulze (ex Germania Est), Didier Daeninckx (Francia), Andrea Camilleri (Italia), Ljudmila Petrusevskaja (Russia), Elia Barceló (Spagna), Heinrich Böll (ex Germania Ovest), Max Frisch (Svizzera), Jirí Kratochvil (Repubblica Ceca), Olga Tokarczuk (Polonia), Miklós Vámos (Ungheria) si sono rivolti a quella generazione nata dopo il 1989 che non ha avuto esperienza diretta del muro. […]

SULLA TRASFORMAZIONE (ILLUMination DI URS FISCHER)

2016-06-11T09:42:04+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

Alla fine, la metafora visiva ci esprime esattamente la capacità che il tempo ha di disporre l’obsolescenza e la distruzione del senso delle forme

di Antonio Zimarino

La condizione iniziale è quella di una estrema stabilità e realismo di rappresentazione: lì dove di fatto, visivamente, non ci sono che due “statue” e un oggetto apparentemente normale e abitudinario quale una sedia. Una statua molto realistica nella posa e nell’abbigliamento (una figura umana) osserva una statua (un monumento importante della storia dell’arte: il “Ratto delle Sabine” di Giambologna) e poco distante, una banale sedia da ufficio.

Il problema evidente si manifesta dalle piccole fiamme che si vedono vibrare inizialmente in alcuni punti apicali di tali statue/figure: […]

PRATICARE LA DIFFERENZA & IL NIDO DELLA FOLLIA: DUE INTRIGANTI LIBRI SCOMODI PRESENTATI A L’AQUILA ADDORMENTATA

2016-06-11T09:42:04+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

Da sempre la parola “follia” ha evocato ed evoca mondi mentali misteriosi, inconoscibili, che provocano disagio e smarrimento

di Anna Maria Giancarli 

Suscitò enorme interesse, nel 1977, il libro di Giuliana Morandini “… E allora mi hanno rinchiusa”, con prefazione di Franca Ongaro Basaglia. Si trattava di testimonianze dai manicomi femminili, di voci autentiche che tutte concludevano il racconto della loro vita con il leit motiv che dette titolo al libro. […]

IN(L)IGHTS ART. RE_PLACE e i suoi Spazi di Luce

2016-06-11T09:42:04+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

Quello inaugurato da RE_PLACE è uno spazio di senso, uno spazio aperto inteso come spazio fisico e spazio del pensiero costruttivo, consapevole e libero. Uno spazio per le idee e uno spazio delle azioni

di Enrica Cialone

Dal 2010 anno dopo anno il progetto RE_PLACE ha riscosso un gran successo di pubblico e critica. Ideato da Germana Galli e organizzato dall’Associazione Amici dei Musei d’Abruzzo il progetto propone interventi di arte pubblica, tradotti in installazioni luminose. Re_Place, essendo un progetto d’arte contemporanea legato al grave terremoto che ha colpito la città, il 6 aprile 2009, è per sua natura site specific.

Le installazioni, opere fra arte e architettura, nel nostro caso le installazioni luminose e sonore, hanno – citando Germano Celant – «la funzione di significare le […]

EDITORIALE

2016-12-07T07:09:24+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

Nel suo primo editoriale di oltre due anni fa, ZRAlt! enunciava la sua filosofia di fondo con queste programmatiche parole: «Una delle prime vittime sacrificali di ogni catastrofe è la memoria individuale e civile storicamente depositata in ognuno dei ” luoghi-anima” distrutti ed ingabbiati nella ZRAlt!. Preservata e preservabile solamente da Mnemosine, figlia di Urano (Cielo) e Gea (Terra), peraltro madre delle nove Muse. Salvaguardarla nei suoi molteplici aspetti, ripercorrendone le traumatiche tracce che ogni post-catastrofe tende “geneticamente” a far sbiadire, è l’intento principale di ZRAlt!, open review trimestrale monotematica-multimediale online della casa editrice Angelus Novus Edizioni dell’Aquila, dedicata al poco scandagliato binomio “Catastrofe & Creatività”». […]

GLI SCHIAVI DEL BURKINA FASO OVVERO LA FOTOGRAFIA DELLA POVERTÀ AL TEMPO DELLA PAURA

2016-01-25T16:17:50+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

Una denuncia al Tribunale dei Diritti dell’Uomo contro il Governo del Burkina Faso con il reportage in forma di appello “Gli schiavi del Burkina Faso 2014”

di Pino Bertelli

Gli schiavi del Burkina Faso. Un reportage di Pino Bertelli in forma di Appello al Tribunale dei Diritti Umani contro il Governo del Burkina Faso per violazione della dignità, del rispetto e della bellezza di uomini, donne e bambini! […]

APPUNTI DI UN VIAGGIATORE SOLITARIO – BIENNALE DI VENEZIA 2015 LVI ESPOSIZIONE INTERNAZIONALE D’ARTE

2016-01-25T16:23:53+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

Come e in quale modo gli artisti, i pensatori, gli scrittori, i compositori e i musicisti possono, attraverso immagini, oggetti, parole, movimenti, azioni, testi e suoni denunciare la deriva catastrofica del nostro Mondo?

di Francesco Correggia

All the World’s Futures è il tema di quest’ultima Biennale di Venezia, la 56ª Esposizione internazionale d’arte. Il titolo già in sé è pretenzioso, onnicomprensivo, generico ma anche denso di argomenti, di riflessioni, di aperture. […]

DUE LETTERE BINARIE A JORDANUS BRUNUS NOLANUS (SCRITTE IN OCCASIONE DELLA PERFORMANCE “POLICENTRICA” DELL’ARTISTA SERGIO NANNICOLA)

2016-01-25T16:31:55+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

A te che amavi carta, penna d’oca, inchiostro per la stesura dei tuoi futuribili testi non dovrebbe meravigliare che al passo con gli oltre quattro secoli trascorsi, sono adesso gli 0 (zero) ed 1 (uno) dei bit dell’Epopea, di questa stessa lettera e del progetto dell’installazione riportato a margine, ad esser memorizzati su “una pennetta digitale”

di Antonio Gasbarrini

I lettera datata L’Aquila, 14-15 maggio 2015

Merlino all’artista […]

IL “SENTIRE” ESTETICO E L’IMMAGINARIO DEL VESUVIO TRA LA SCIENZA DELLA CONOSCENZA SENSITIVA, IL SUBLIME E LA CATASTROFE (III parte: “cultura di massa”, 3D e RV)

2016-01-25T16:35:41+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

La stessa filosofia maggiore o filosofia della parola, di cui l’estetica moderna è stata all’origine ancella, non traccia più una visione o un’aspirazione all’universale valida immediatamente per tutti. Oggi viviamo nell’universo costituito da singolarità

di Giuseppe Siano

Un nuovo automatismo eidomatico s’impone. [Uso questo termine nel senso attribuito da Giovanni Anceschi al design eidomatico. […]

Torna in cima