Luigi Fabio Mastropietro

Home/Tag: Luigi Fabio Mastropietro

CON GLI OCCHI DI AMAL مع عيون أمل (Mae euyun ‘Amal)

2019-10-16T20:39:42+01:00ZRAlt! n. 23/24 – Inverno 2018/Primavera 2019|

Questa è la sfida. Girare un film interamente raccontato dagli occhi e dal cuore di Amal. Un film che attraverso la soggettività assoluta dello sguardo di Amal racconti la sua esperienza, un calvario simile a quella di milioni di altri bambini come lei

di Luigi Fabio Mastropietro

1. Il progetto

Questo progetto nasce da un bisogno primario che, qualora venga soddisfatto, inevitabilmente rifonda il senso del fare cinema e la prospettiva stessa dell’arte. Il bisogno di un gruppo di artisti e operatori della comunicazione e dello spettacolo di creare un film per il mondo.

[…]

IŠTAR. L’ABBRACCIO DELLA NOTTE (Racconto transrealista)

2018-08-09T14:34:47+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Sto solo sognando di dormire e ho perduto il mio corpo da qualche parte in fondo al sogno

di Luigi Fabio Mastropietro

 

Dall’inverno della vostra vita
ogni voce deve essere bandita,
sola arma una croce smarrita
nell’inverno della vostra vita.

(La parola dell’uomo, Denis Brandani)

[…]

VACUUM. EPITOME DELL’ESTINZIONE INCISA SU DRIVE DI VETRO 5D (Racconto transrealista)

2017-07-19T16:33:55+01:00ZRAlt! nn. 15/16 - Inverno 2016/Primavera 2017|

Il sistema è elastico. Fino alla soglia massima di tolleranza del carico di sofferenza. Quando il sovraccarico depressivo del sistema supera la soglia limite, la pelle del mondo si strappa

di Luigi Fabio Mastropietro 

There is a crack in everything
That’s how the light gets in.
[…]

LA RISONANZA LIMBICA DEL TEATRO DELLA CATASTROFE: OMAGGIO A HOWARD BARKER

2016-06-11T09:48:25+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

Nel deserto di cemento ho visto il mio dio bruciava d’amore per gli uomini aveva perdonato i nostri peccati ma non i suoi

di Luigi Fabio Mastropietro

La tragedia detesta la politica. La tragedia detesta le buone intenzioni. Detesta tutto ciò che dimostra la soluzione di un problema. Detesta dunque l’industria del piacere, l’industria del tempo libero, l’industria dell’armonia e l’industria della riconciliazione. La tragedia è lo spettacolo del dolore reso squisito dall’arte (…) […]

ANTONIN ARTAUD E SARAH KANE: IL TEATRO DELL’AGNELLO DI DIO SENZA DIO (II parte: Sarah Kane)

2015-09-24T17:03:40+01:00ZRAlt! n. 8 - Primavera 2015|

Sarah Kane muore suicida in una clinica londinese il 20 febbraio del 1999, a 28 anni. Nell’arco di una vita che è appena un sussulto, scrive solo una decina di opere teatrali che tuttavia, di fatto, rivoluzionano il teatro contemporaneo.

EDITORIALE

2015-05-16T09:56:18+01:00ZRAlt! n. 7 - Inverno 2014|

Scorrendo gli Editoriali, i testi e gli apparati multimediali sino a qui pubblicati su ZRAlt!, si può agevolmente riscontrare una sostanziale sintonia tra gli eventi catastrofici che sono sempre più in agguato in questa meravigliosa Terra popolata da qualche miliardo di abitanti infelici e il contrappasso creativo di volta in volta rintracciabile nelle sue pagine web.

I traballanti “rapporti di buon vicinato” tra i diversi Paesi, quotidianamente messi in discussione per le disuguaglianze sociali ed economiche in rapida espansione o per contrapposizioni religiose più che ideologiche, hanno recentemente trovato un altro punto di rottura con le sanguinarie azioni terroristiche messe in atto dalla cangiante trimurti Isis-Al Qaeda-Boko Haram.

Il vigliacco assassinio dei disegnatori e redattori della rivista radicale satirica francese Charlie Hebdo rei di aver oltraggiato […]

EDITORIALE

2014-11-02T09:02:41+01:00ZRAlt! n. 5 - Estate 2014|

Mentre il sempre più malconcio globo terrestre si rigira e gira, o meglio, si aggira nel quadrimensionale tempo spazio curvo einsteiniano, catastrofi su catastrofi continuano ad abbattersi sulla sua desertificata pelle con una prevedibile finalità millenaristica. Non solo naturali, ma prevalentemente artificiali scatenate da un indomabile Male (dalle giornaliere guerre, alle pandemiche malattie tipo Ebola, ai paventati sciami solari… e, chi più ne ha, più ne metta).

In questa fosca ed offuscata realtà macrofisica e di riflesso sociale, diventa sempre più arduo contrapporre l’energia salvifica della creatività alle sciagure su sciagure amplificate dalla ridondanza spettacolare-propagandistica dei mass-media. […]

LA VIBRAZIONE OSCURA E LA MANUTENZIONE DEL CAOS

2014-11-02T07:56:11+01:00ZRAlt! n. 5 - Estate 2014|

Il sistema del cosmo è elastico. Fino alla soglia massima di tolleranza del carico di sofferenza

di Luigi Fabio Mastropietro

Tenebrae sine principio in principio, ut tenebrae sine fine in finis
Tenebra senza principio in principio come tenebra senza fine in fine 
Fine e principio legati nella vibrazione della tenebra nel vuoto 
Tenebra nel vuoto che tutto vibrando contiene prima della luce
Tenebra nel vuoto che tutto tremando risuona del respiro di Colui che è
Fiato che smembra membrane d’ombra da tenebra
Membrane d’ombra che vibrano i nomi delle cose e le cose stesse
Vibrazione oscura che accende l’essere trafiggendolo
E luce fu oscura vibrazione sola essenza dell’essere […]