L’Aquila

Home/Tag: L'Aquila

CANTO 6409

2018-08-09T14:38:38+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Non c’è storia in questo cortometraggio, come non c’è più storia nei luoghi distrutti

di Dino Viani

“Canto 6409” è uno di quei film che nessun cineasta avrebbe mai voluto fare, compreso chi scrive.

Rimane il fatto che il 7 Aprile 2009 – il giorno successivo al devastante sisma aquilano – ero sul campo. Inizialmente non c’era da parte mia la benché minima idea di pensare a un film, o, comunque, di fare qualcosa di importante.
Ero lì come inviato “speciale” di una agenzia di stampa connessa con gli abruzzesi/italiani nel mondo che mi chiedeva di raccontare quella tragedia in maniera diversa da come, sin dal primo momento, si stava narrando sui media, televisivi in particolare.

[…]

MUSICA DELLE SFERE *

2018-08-09T14:39:14+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Le antiche tradizioni hanno sempre parlato di una “musica delle sfere” e non già di un’armonia delle linee o degli angoli

di Cristian Ungureanu

Gli aspetti relativi alla mia attività artistica, scientifica e didattica gravitano direttamente o indirettamente intorno alla stessa costante preoccupazione tesa a decifrare e mettere in pratica i principi governanti la problematica delle proporzioni armoniche.

[…]

IN VOLO CON PINDARO ALLA VELOCITÀ DELLA LUCE: Istruzioni per l’uso

2018-01-04T12:43:37+01:00ZRAlt! n. 17 - Estate 2017|

Frugando negli anfratti del Web mi ritrovai, con Pindaro il Maestro, in volo lungo la faglia sismica di San Andrea come risucchiato a rivivere l’incubo del sisma che nel 2009 distrusse L’Aquila

 di Roberto Soldati

Un’esperienza di turismo virtuale che assottiglia sempre più il margine che separa la realtà dalla fantasia. Il “gaudium magnum” di fronte a questa nuova realtà virtuale consiste nella lucida consapevolezza di sé di saper governare in modo sapiente la nave nel mare in burrasca del web affrontando, come da manuale, le onde di poppa, senza finire in gorghi abissali o verso le secche dove la mente ristagna passiva nel tempo.

[…]

OFF SITE ART. QUESTIONE DI PROSPETTIVE (e non solo!)

2017-07-19T16:37:01+01:00ZRAlt! nn. 15/16 - Inverno 2016/Primavera 2017|

Quando un format d’0ltreoceano viene trasposto a L’Aquila lo spettacolo dell’arte (im)pone questioni (ir)risolte

di Enrica Cialone

Nel contestualizzare un progetto come OFF SITE ART non si può non fare riferimento a quella che Bauman chiama società liquida, la società contemporanea (Bauman, 2000). In tale contesto è venuta meno la preesistente barriera tra cultura e leisure, tra “alto” e “basso”, tra originale e copia, tra museo e spazio commerciale, tra educazione e intrattenimento.

Fase matura e superamento del saggio del filosofo tedesco Walter Benjamin, […]

CATASTROFI NATURALI MACERIE E RESTAURI MALFATTI (II parte)

2017-07-14T20:36:04+01:00ZRAlt! nn. 15/16 - Inverno 2016/Primavera 2017|

La stessa fine di L’Aquila la farà il centro storico di Salerno, quando verrà sottoposto a sollecitazioni di un terremoto abbastanza forte

di Giuseppe Siano

La conservazione di un bene culturale o artistico ha bisogno che gli uomini rispettino la materia utilizzata per rappresentare un pensiero; perché è proprio in essa (materia) che si conserva anche il tipo di messaggio tramandato, il quale passa alle generazioni future. […]

CECI N’EST PAS UN LIVRE

2017-03-03T11:59:26+01:00ZRAlt! n. 14 - Autunno 2016|

Transreale nella sua poetica, il Libro-Soggetto può contemporaneamente apparire e scomparire alla stregua di particelle subatomiche create, annichilite e ricreate in un energetico vuoto quantistico

di Antonio Gasbarrini

Cosa sia un libro gutenberghiano lo sanno anche i bambini. Nativi digitali, anche se sono ancora in età prescolare, hanno familiarità persino con gli immateriali e-book visibili sugli appositi lettori o su un tablet. Dei ponderosi codici miniati, con le pagine in cartapecora realizzati quasi sempre a più mani dal Maestro calligrafo e dall’artista miniaturista (un bell’esempio in tal senso è il Chronicon Casauriense del XII sec, ad opera dei monaci Johannes Berardi e Magister Rusticus), ovviamente nulla. […]

HABITAT: UN FILM IN BIANCO, NERO E GRIGIO DA L’AQUILA TERREMOTATA

2016-08-23T18:14:21+01:00ZRAlt! n. 12 - Primavera 2016|

Questo è un film che ti obbliga a confrontarti con il vuoto – e credo che ci sia riuscito non bene, benissimo 

di Marco Giacosa / Marcello Gallucci / Maria Campanaro – Claudia De Carlo

SU HABITAT

di Marco Giacosa

Ho visto Habitat – Note personali al Torino Film Festival del 2014, non conoscevo Emiliano Dante, era uno spettacolo delle 14 e finii in sala quasi per caso, incuriosito dal titolo e dalle poche righe con cui sul programma veniva raccontato il film; e subito me ne innamorai. […]

HERITAGE AND CATASTROPHE: UNA RICERCA DELLA TECHNISCHE UNIVERSITÄT BERLIN SUL TERREMOTO AQUILANO

2016-08-23T17:46:48+01:00ZRAlt! n. 12 - Primavera 2016|

Purtroppo la conoscenza della vulnerabilità ai terremoti non è servita in passato a far rispettare le norme edilizie vigenti, per le quali gli edifici avrebbero dovuto essere costruiti con criteri antisismici

di Vittorio De Petris

Nel 2014 un gruppo di 26 ricercatori presso la Technische Universität di Berlino intraprese una ricerca sul campo nei territori colpiti dal terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009.
I ricercatori erano esperti in vari settori nel campo dell’architettura, del design urbano, dell’ingegneria civile, della sociologia, delle relazioni internazionali, dell’amministrazione e pianificazione urbana e regionale, delle scienze ambientali. […]

DUE LETTERE BINARIE A JORDANUS BRUNUS NOLANUS (SCRITTE IN OCCASIONE DELLA PERFORMANCE “POLICENTRICA” DELL’ARTISTA SERGIO NANNICOLA)

2016-01-25T16:31:55+01:00ZRAlt! nn. 9/10 - Estate/Autunno 2015|

A te che amavi carta, penna d’oca, inchiostro per la stesura dei tuoi futuribili testi non dovrebbe meravigliare che al passo con gli oltre quattro secoli trascorsi, sono adesso gli 0 (zero) ed 1 (uno) dei bit dell’Epopea, di questa stessa lettera e del progetto dell’installazione riportato a margine, ad esser memorizzati su “una pennetta digitale”

di Antonio Gasbarrini

I lettera datata L’Aquila, 14-15 maggio 2015

Merlino all’artista […]