Enrica Cialone

Home/Tag: Enrica Cialone

OFF SITE ART. QUESTIONE DI PROSPETTIVE (e non solo!)

2017-07-19T16:37:01+01:00ZRAlt! nn. 15/16 - Inverno 2016/Primavera 2017|

Quando un format d’0ltreoceano viene trasposto a L’Aquila lo spettacolo dell’arte (im)pone questioni (ir)risolte

di Enrica Cialone

Nel contestualizzare un progetto come OFF SITE ART non si può non fare riferimento a quella che Bauman chiama società liquida, la società contemporanea (Bauman, 2000). In tale contesto è venuta meno la preesistente barriera tra cultura e leisure, tra “alto” e “basso”, tra originale e copia, tra museo e spazio commerciale, tra educazione e intrattenimento.

Fase matura e superamento del saggio del filosofo tedesco Walter Benjamin, […]

IN(L)IGHTS ART. RE_PLACE e i suoi Spazi di Luce

2016-06-11T09:42:04+01:00ZRAlt! n. 11 - Inverno 2015 - 2016|

Quello inaugurato da RE_PLACE è uno spazio di senso, uno spazio aperto inteso come spazio fisico e spazio del pensiero costruttivo, consapevole e libero. Uno spazio per le idee e uno spazio delle azioni

di Enrica Cialone

Dal 2010 anno dopo anno il progetto RE_PLACE ha riscosso un gran successo di pubblico e critica. Ideato da Germana Galli e organizzato dall’Associazione Amici dei Musei d’Abruzzo il progetto propone interventi di arte pubblica, tradotti in installazioni luminose. Re_Place, essendo un progetto d’arte contemporanea legato al grave terremoto che ha colpito la città, il 6 aprile 2009, è per sua natura site specific.

Le installazioni, opere fra arte e architettura, nel nostro caso le installazioni luminose e sonore, hanno – citando Germano Celant – «la funzione di significare le […]

EDITORIALE

2015-10-14T21:18:20+01:00ZRAlt! n. 8 - Primavera 2015|

Numero dopo numero, testo dopo testo, firma dopo firma – con relativi apporti multimediali –proposti sinora da ZRAlt!, stanno delineando con sempre maggiore affidabilità l’identikit d’una reattiva creatività ai vari eventi catastrofici (naturali ed antropici) che continuano a cadenzare, da che mondo è mondo, il “malvivere” individuale e collettivo.

Le sconvolgenti immagini del sisma nepalese rimbalzate recentemente dai massmedia con tutta l’eloquenza negativa di aride cifre (oltre 8 mila morti, circa 18.000 feriti, 500.000 edifici distrutti, un’intera popolazione alla deriva), le migliaia di migranti risucchiati dal Mediterraneo, i nuovi “muri di Berlino” eretti per contrastare inutilmente biblici esodi di massa, le ritornanti crisi finanziarie nazionali e internazionali e, chi più ne ha più ne metta, non hanno fanno arretrare di un millimetro tutti coloro che essendo […]

WUNDERSCHULE! LA COLLEZIONE DELLE MERAVIGLIE

2015-09-24T17:03:41+01:00ZRAlt! n. 8 - Primavera 2015|

Si dice che le grandi collezioni prendano forma in ogni società soprattutto in epoche di cambiamento. La Collezione Permanente d’Arte Contemporanea del Liceo Scientifico “Andrea Bafile” a L’Aquila nasce nell’ambito del progetto ideato e curato da Licia Galizia Polvere negli occhi, nel cuore sogni.

EDITORIALE

2015-02-07T11:18:23+01:00ZRAlt! n. 6 – Autunno 2014|

Cifre statistiche alla mano, le catastrofi d’origine antropica (guerre, e al momento, terrorismo jihadista ) continuano a fare concorrenza, in termini di vite umane spente, alle naturali. In buona parte contrastate, le seconde, dalle conquiste scientifiche e tecnologiche. Non sempre, però, indirizzate a tutelare il valore sacro e inalienabile di ogni singola esistenza, a prescindere da età, sesso, credo religioso, etnia… La percezione che più di una cosa non vada, in questa arrossata terra, non è dovuta solo all’acre odore del depistante frutto marcio della spettacolarizzazione massmediatica, ma di una più ampia presa di coscienza del crescente disagio sociale di singoli, gruppi, masse e popoli su popoli viepiù deliberatamente affamati dalle imperanti multinazionali con il palese ricatto del “lavoro che non c’è” o, se […]

VISIONI E VOCI DI STREET ART: IL RE_ ACTOFEST

2015-02-07T10:42:16+01:00ZRAlt! n. 6 – Autunno 2014|

“Quando mi facevano i complimenti per il lavoro svolto, se avessi potuto gli avrei dipinto l’intera città… e non sarebbe stato abbastanza”

di Enrica Cialone

Nell’arte europea l’evento non è accumulo ma scelta di gesti e di materiali secondo un’intenzione oppositiva alla realtà, in cui l’evento si consuma. Il comportamento artistico non è un acceleratore di emozioni ma presa di coscienza, atto antropologico, atteggiamento critico e produzione di immagini allegoriche tese al recupero di una più ampia dimensione antropologica. […]

COME RILEGGERE UNA CITTÀ DISTRUTTA IN COMPAGNIA DELL’ARTE CONTEMPORANEA

2014-06-17T16:29:24+01:00ZRAlt! n. 4 – Primavera 2014|

Il vivere la città significa ascoltarla e parlarle, sperimentarla vagando attraverso i suoi spazi in cui si compenetrano passato presente e futuro

di Enrica Cialone

Alle volte mi basta uno scorcio che s’apre nel bel mezzo d’un paesaggio incongruo, un affiorare di luci nella nebbia, il dialogo di due passanti che s’incontrano nel viavai, per pensare che partendo di lì  metterò assieme pezzo a pezzo la città perfetta, […]