EDITORIALE

2018-08-09T14:29:57+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Con questo numero doppio di ZRAlt! – rivista culturale interdisciplinare monotematica e multimediale su “Catastrofe & Creatività” partorita tra le macerie sismiche aquilane – viene festeggiata simbolicamente la meta del suo quinto annodi vita. Forse, troppo presto per guardarsi indietro e fare un provvisorio bilancio del suo zigzagante percorso tra le profumate propaggini della filosofia, dell’arte, della letteratura, del teatro, del cinema, della fotografia, di tutti quegli eventi -resilienti creativi, insomma, che continuano ad opporsi tenacemente al fascistizzante andazzo di una società contemporanea che ha fatto dell’Ingiustizia (con la I maiuscola) sociale il suo obiettivo primario.

[…]

PEDRO LUIS RAOTA. Sulla fotografia dell’assurdo

2018-08-09T14:30:48+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

La forza evocativa delle fotografie di Raota è una sorta di realismo magico… le immagini sono colme di tenerezza, di crudezza, anche, esprimono un linguaggio caldo, partecipativo

di Pino Bertelli

a Roberto Perdía

uno dei capi dei Montoneros, guerriglieri che hanno combattuto la dittatura argentina… lo abbiamo incontrato a Buenos Aires nel corso di una manifestazione a sostegno della Palestina (2014) – ci siamo abbracciati, levato i pugni dalle tasche e alzati contro il cielo… “Uno non ha un’anima per sé solo, ma un pezzetto d’una grande anima, che è la grande anima di tutta l’umanità… Quindi non importa, perché io non potrò mai morire. Io sarò dovunque, dovunque ci sia un uomo.

[…]

LE PUDIBONDE CENSURE DEI NUDI SU FACEBOOK E L’ARTE (anche erotica)

2018-08-09T14:31:32+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Più demone che angelo, ma anche più vita che morte, Eros è, alla stregua di una stella, un dissipatore d’energia, e, per essa, di luce e calore

di Antonio Gasbarrini 

Sull’abstract (paginone) del n. 17 di questa stessa rivista, veniva pubblicato il saggio di Pino Bertelli Diane Arbus: l’angelo nero della fotografia randagia, con un suo ritratto fotografico (selfie diremmo oggi) del 1945. Un’immagine riflessa da uno specchio, la sua, dall’immacolato candore di un corpo ripreso nudo con due prominenti seni controbilanciati dalle bianche mutandine (o meglio, mutandoni).

[…]

TRA SENSO E NONSENSO (La poesia concreta in Austria)

2018-08-09T14:32:12+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Nella poesia concreta il testo è un’unità di concetto e segno. Al variare delle caratteristiche materiali del segno (dimensione, posizione, ecc.) cambia il concetto

di Giovanni Fontana

Gerhard Rühm, viennese, classe 1930, è un artista che ha segnato profondamente l’avventura dell’avanguardia austriaca e che ancora oggi ci sorprende per le sue ricerche interdisciplinari.

[…]

LA FEROCIA E IL MONDO DELL’ARTE

2018-08-09T14:33:02+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

L’odio e la ferocia non circolano solo nel web o nei canali televisivi ma dilagano nel mondo dell’arte in maniera oscena

di Francesco Correggia

Tutte le epoche storiche sono state caratterizzate da uno slancio in avanti verso il progresso per poi cadere in una specie di declino, in un abisso temporale, in una regressione. In genere queste cadute sono accompagnate da urti e scontri violenti, come guerre, rivoluzioni. Alla fine di tali conflitti e dopo aver pagato un prezzo alto di morti, di vittime, di perseguitati senza ragione, sembra tornare la normalità.

L’essere umano si rimbocca le maniche e torna a progettare e costruire il suo futuro con mitezza e alacrità.

[…]

IŠTAR. L’ABBRACCIO DELLA NOTTE (Racconto transrealista)

2018-08-09T14:34:47+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Sto solo sognando di dormire e ho perduto il mio corpo da qualche parte in fondo al sogno

di Luigi Fabio Mastropietro

 

Dall’inverno della vostra vita
ogni voce deve essere bandita,
sola arma una croce smarrita
nell’inverno della vostra vita.

(La parola dell’uomo, Denis Brandani)

[…]

IO CURATORE

2018-08-09T14:35:22+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Gli artisti possono e debbono concorrere a migliorare la società non soltanto attraverso il lavoro individuale, ma soprattutto intervenendo pubblicamente in modo partecipato e collettivo

di Giuseppe Salerno

Nella vita di ciascuno vi sono accadimenti che, dettati dal caso, contribuiscono a segnare quel percorso che, rendendoci unici, caricano di senso la nostra esistenza. Quando, sul finire degli anni ’70, scoprii per puro caso il piccolo borgo di Calcata, in un istante mi trovai davanti agli occhi qualcosa di cui da sempre avevo avvertito la mancanza ma che mai avevo cercato.

[…]

CANTO 6409

2018-08-09T14:38:38+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Non c’è storia in questo cortometraggio, come non c’è più storia nei luoghi distrutti

di Dino Viani

“Canto 6409” è uno di quei film che nessun cineasta avrebbe mai voluto fare, compreso chi scrive.

Rimane il fatto che il 7 Aprile 2009 – il giorno successivo al devastante sisma aquilano – ero sul campo. Inizialmente non c’era da parte mia la benché minima idea di pensare a un film, o, comunque, di fare qualcosa di importante.
Ero lì come inviato “speciale” di una agenzia di stampa connessa con gli abruzzesi/italiani nel mondo che mi chiedeva di raccontare quella tragedia in maniera diversa da come, sin dal primo momento, si stava narrando sui media, televisivi in particolare.

[…]

MUSICA DELLE SFERE *

2018-08-09T14:39:14+01:00ZRAlt! n. 19/20 – Inverno 2017/Primavera 2018|

Le antiche tradizioni hanno sempre parlato di una “musica delle sfere” e non già di un’armonia delle linee o degli angoli

di Cristian Ungureanu

Gli aspetti relativi alla mia attività artistica, scientifica e didattica gravitano direttamente o indirettamente intorno alla stessa costante preoccupazione tesa a decifrare e mettere in pratica i principi governanti la problematica delle proporzioni armoniche.

[…]